STORIA

La “Polifonica Pievese” di Città della Pieve ha ereditato e continuato l’attività svolta dai giovani seminaristi cantori che avevano il compito di accompagnare con canti sacri il servizio liturgico in Cattedrale.

Verso il 1936, sotto la guida del giovane sacerdote Don Francesco Tassini, ai seminaristi si affiancarono anche giovani cantori laici appartenenti all’Azione Cattolica che facevano apostolato, dando così vita ad un piccolo coro di Pueri Cantores chiamato “Cappella Musicale dei Santi Gervasio e Protasio” perché dedicato ai Santi protettori di Città della Pieve.

Terminato il secondo conflitto mondiale, nel 1946 Don Oscar Carbonari, parroco della locale parrocchia di San Pietro, ebbe l’incarico dal Vescovo Monsignor Giuseppe Angelucci di formare un coro di voci virili per il servizio in Cattedrale. Anche questa volta i cantori vennero reclutati tra le fila dell’Azione Cattolica fra quei giovani che avevano fatto l’apostolato liturgico e fra gli elementi della locale Banda Musicale cittadina. Nacque così un coro a tre voci chiamato semplicemente “Schola Cantorum”.

Con l’avvento nel 1962 del Concilio Vaticano II anche le voci femminili furono ammesse a far parte dei cori liturgici, per cui si formò un coro a quattro voci (soprani, contralti, tenori e bassi), denominato poi, negli anni ‘70, “Polifonica Pievese”.

Nel corso degli anni Don Oscar Carbonari chiamò a collaborare il Maestro Italo Ventosi di Cetona, e nel 1981 il Maestro Carlo Pedini di Perugia i quali si avvicendarono nella direzione del complesso vocale. Il coro è stato successivamente diretto anche dal m° Giuseppe D'Angelo, già allievo del m°Pedini, con il quale si è diviso nell'impegno alla direzione e all'accompagnamento organistico e pianistico.

Il coro svolge prevalentemente la propria attività a Città della Pieve e nel territorio circostante (province di Siena e Grosseto), colmando una storica lacuna riguardante l’istruzione musicale e la possibilità di avvicinarsi alla pratica musicale. Inoltre, ha partecipato a numerose edizioni della Rassegna Corale Regionale in Umbria (Amelia, Terni, Perugia, Ficulle, Norcia, Bevagna) e a “NATALE IN CORO” (Bastia, Perugia) promosse dall’A.R.C.UM.

E’ stato presente due volte alla Messa domenicale trasmessa da RAIUNO: in particolare si ricorda quella del 1969 in cui ha presentato la prima esecuzione della Messa "Maria di Fatima" di Italo Ventosi, uno dei primi esempi di Messa polifonica su testo italiano, secondo le novità liturgiche introdotte dal Concilio Vaticano II°. Più recentemente (1°maggio 2011, 14 ottobre 2012, 25 gennaio 2015) ha anche preso parte alla Messa domenicale trasmessa dall'Emittente televisiva Retequattro.

Nel corso degli anni ha avuto collaborazioni concertistiche importanti con artisti vocali di diversa formazione e provenienza: Francesco Di Giacomo (2009) storica voce del Banco del Mutuo Soccorso, Fabio KoRyu Calabrò (2015) versatile autore, cantante e virtuoso di ukulele, Frate Alessandro Brustenghi (2017), celeberrimo tenore conosciuto come "La voce di Assisi".

Nel 1992 ha vinto il 4° Premio all’ “Eurofestival Mariano” di Colle di Fuori (Roma).

Dal 1987 è iscritto all’A.R.C.UM. (Associazione Regionale Cori dell’Umbria).

Il 5 gennaio 1986, a chiusura delle festività natalizie, la Polifonica Pievese, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Città della Pieve, presentava per la prima volta, nella locale Sala Sant’Agostino, il “Concerto d’Epifania” (che nel 2005 ha festeggiato la 20ª edizione), avvalendosi dal 1991 della collaborazione dell’Orchestra da Camera costituita da giovani musicisti diplomati o diplomandi al Conservatorio “Francesco Morlacchi” di Perugia, la maggior parte dei quali allievi o ex allievi di Carlo Pedini, professore di Armonia nello stesso Conservatorio dal 1986.


Locandina del primo
Concerto d'Epifania (1986)



Il 25 Aprile 1997, in collaborazione con il Comitato cittadino per il gemellaggio, ha portato, con l’Orchestra da Camera, il programma presentato al Concerto d’Epifania dello stesso anno nella cittadina tedesca di Denzlingen, mentre il 1° maggio dell’anno successivo è stata ospitata per un nuovo concerto per coro e orchestra dall’altra città francese gemellata, Saint Cyr sur Mer.

Ha effettuato concerti all’estero in Germania (1997 – 2001) e Francia (1998 – 2003), nelle città gemellate di Denzlingen e Saint Cyr sur Mer.

Il 4 giugno 2004, in occasione della Festa della Repubblica Italiana su invito del Consolato Italiano, si è esibito di fronte ad un pubblico di oltre mille persone nel Teatro Reale “Melina Mercuri” di Salonicco (Grecia), alla presenza del Primo Ministro di Macedonia, dell’Ambasciatore italiano e del Console onorario.

La storia della Polifonica Pievese è raccontata nei volumi “Cento anni di musica corale a Città della Pieve” scritto da Carlo Pedini nel 1999, con Prefazione di Raffaele Rossi e Introduzione storica di Franco Milani e Vent’anni di concerti d’Epifania scritto da Carlo Pedini nel 2005.

........................................................

Locandina dei primi
Concerti d'Epifania (1987-89-90-91-92)